Giornata della Vittoria – 9 maggio

Obelisco di Piazza Vosstanija

Obelisco di Piazza Vosstanija

La Giornata della Vittoria  (in russo День Победы, traslitterato come Den’ Pobedy, a ) viene celebrato il 9 maggio, in memoria della capitolazione della Germania nazista durante la Seconda guerra mondiale (conosciuta anche come la Grande Guerra Patriottica in Unione Sovietica e alcuni Stati post-sovietici).

La resa fu firmata nella tarda sera dell’8 maggio 1945 (già il 9 maggio a Mosca), in seguito alla capitolazione concordata in precedenza con le forze alleate sul fronte occidentale. Il governo sovietico annunciò la vittoria la mattina del 9 maggio, dopo la cerimonia di firma avvenuta a Berlino. Tuttavia, è solo dal 1965 che la Giornata della Vittoria è stata proclamata festa nazionale.

A San Pietroburgo questa data, di cui nel 2014 ricorre il 69° anniversario, assume un significato molto particolare per le tragiche vicende vissute dalla città durante l’assedio di Leningrado, che durò per quasi tre anni dal 1941 al 1944 causando circa un milione di morti tra civili e militari, molti dei quali sepolti nel cimitero monumentale di Piskarëvskoe, una visita al quale è ancor più d’obbligo in quest’occasione.

Il programma tradizionale delle celebrazioni prevede il mattino una parata militare lungo la Prospettiva Nevskij che termina nella Piazza del Palazzo, itinerario che percorrono poi nel pomeriggio sia i veterani, ormai rimasti in pochi, sia i loro parenti che portano dei cartelli coi loro ritratti sia i civili che erano rimasti o addirittura nati durante la Leningrado assediata. In loro onore nel 1975 in Piazza della Vittoria, ovvero sulla strada che porta a Mosca e all’aeroporto per darne la massima visibilità, venne eretto il Monumento agli eroici difensori di Leningrado, da visitare insieme al Museo dell’Assedio di Leningrado.

Di particolare interesse sono anche la Strada della Vita, percorso che collegava la città con il lago Ladoga permetteva gli approvvigionamenti agli abitanti e i soldati stretti nella morsa dell’assedio nazista, e la Fortezza di Orešek, la cui guarnigione non cedette mai la posizione contribuendo alla liberazione di Leningrado.
Indispensabile infine l’ascolto della Sinfonia di Leningrado composta durante l’assedio da Dmitrij Šostakovič, nato San Pietroburgo ma all’epoca evacuato sugli Urali.

Collegamenti esterni

2 risposte a Giornata della Vittoria – 9 maggio

  1. Pingback: 9 maggio: Giornata della Vittoria

  2. Pingback: Mondiali di hockey su ghiaccio 2016 a Pietroburgo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*