Giardino d’estate

Il Giardino d’estate, in russo: Летний сад (Letnij sad), è un parco in principio realizzato su progetto di Pietro I il Grande.

Questo complesso architettonico e naturale, risalente al 1704, rappresenta uno dei monumenti artistici più significativi della prima metà del Settecento del barocco russo e si trova sulle rive della Fontanka, con un ingresso che affaccia sul Lungoneva del Palazzo, sulla riva opposta della Neva su cui sorge la Casetta di Pietro I, ed un altro di fronte al Castello degli Ingegneri. All’interno del Giardino d’estate è presente uno stupendo complesso di copie di sculture veneziane, opera dei maestri più rinomati di allora: Pietro Baratta, Giovanni Bonazza, Marino Groppelli, Paolo e Giuseppe Groppelli, Francesco Penso, Giuseppe Torretti, Bartolomeo Modulo, Giovanni Zorzon, Arrigo Meyring, Antonio Tarsia. Molti busti – 12 sibille: Samia, Persica, Europea, Delfica, Frigia, Ellespontica, Libica, Cimmeria, Cumana, Eritrea, Agrippina – appartengono a Bartolomeo Modulo. La sibilla Samia, del Modulo, si trova ancora oggi nel Giardino d’estate.

Fra il 1771 ed il 1784 fu installata una cancellata in ghisa in stile neoclassico del Velten, che separa il parco dalla passeggiata pubblica del Lungoneva Dvorcovaja. La ringhiera è sospesa tra 36 colonne di granito coronate da urne e vasi.

Al suo interno si trova il Palazzo d’Estate, successiva dimora dello stesso zar, nonché la Casa del te’, quella del caffè ed un monumento a Ivan Andreevič Krylov.

Testo e fotografie tratti da wikipedia http://it.wikipedia.org/wiki/Giardino_d’estate in italiano, informazioni in russo http://walkspb.ru/sad/letniy_sad.html

2 risposte a Giardino d’estate

  1. Pingback: Riaperto il Giardino d’Estate dopo i restauri | San Pietroburgo, Russia: hotel, voli, meteo

  2. Pingback: XXV maratona delle Notti Bianche – 29 giugno 2014

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*