Camera d’ambra

La maggiore attrattiva del palazzo di Caterina è rappresentata dalla Camera d’ambra. È una stanza di circa 55 metri quadrati le cui pareti sono completamente rivestite da pannelli decorati con ben sei tonnellate d’ambra, oltre a foglie d’oro e specchi. Per la sua singolare bellezza è stata spesso definita l’ottava “Meraviglia del Mondo”.

La Camera d'ambra in una foto del 1931

La Camera d’ambra in una foto del 1931, poi perduta e distrutta durante l’Assedio di Leningrado

La Camera originale fu costruita fra il 1701 e il 1709 da artigiani tedeschi e russi in Prussia. Nel 1716 fu donata dal re prussiano Federico Guglielmo I (1713-1740) al suo allora alleato, lo zar Pietro I il Grande (1682-1725). Durante la Seconda guerra mondiale la Camera venne smontata dai nazisti e trasferita a Königsberg, dove scomparve misteriosamente alla fine della guerra e non se ne seppe più nulla fatta eccezione per alcuni frammenti ritrovati in varie parti del mondo presso collezionisti privati. Nel 1979 però venne data commissione di ricostruire la Camera basandosi su disegni e foto originali. Finalmente nel 2003 la nuova Camera venne inaugurata ed aperta al pubblico. L’affluenza di visitatori è così alta che l’accesso alla Camera è consentito a gruppi ristretti e per un limitato periodo di tempo.

Voce su wikipedia in italiano https://it.wikipedia.org/wiki/Camera d’ambra

Una risposta a Camera d’ambra

  1. Pingback: TripAdvisor sceglie il Salvatore sul Sangue Versato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*