Fondazione di San Pietroburgo

Lo Zar Pietro il Grande fondò la città il 27 maggio (16 maggio nel calendario giuliano allora in vigore) 1703 dopo aver conquistato all’Impero svedese i territori attraversati dalla Neva. Diede alla città il nome del suo santo patrono, l’apostolo Pietro. Il nome originale di Sankt Piter burkh era stato conferito in lingua olandese poiché Pietro il Grande aveva vissuto e studiato sotto mentite spoglie in Olanda per un periodo di tempo ed era divenuto un grande ammiratore della corte e dell’architettura olandese. Le fortezze svedesi di Nyen e successivamente di Nöteborg avevano in precedenza controllato l’area delle paludi dove la Neva sfocia nel Golfo di Finlandia. I servi della gleba fornirono gran parte della manodopera per il progetto ideato dall’architetto Domenico Trezzini. L’edificazione della città, che avvenne contestualmente alla bonifica delle paludi, venne affidata ad architetti italiani. Secondo alcune stime morirono per l’intera esecuzione dell’opera circa 30.000 persone.

San Pietroburgo venne fondata per divenire la nuova capitale della Russia zarista. In virtù della sua posizione sul Mar Baltico era una finestra sull’occidente, che permetteva gli scambi commerciali e culturali. L’obiettivo era tra l’altro quello di fare della Russia uno dei principali partner commerciali della Gran Bretagna. La città si prestava inoltre a divenire la principale base della marina di Pietro il Grande, protetta dall’isola-fortezza di Kronštadt. Prima di San Pietroburgo la base per il commercio verso il resto dell’Europa era la città di Arcangelo.

4 risposte a Fondazione di San Pietroburgo

  1. Pingback: TripAdvisor sceglie il Salvatore sul Sangue Versato!

  2. Pingback: E son 312: buon compleanno San Pietroburgo!

  3. Pingback: Il tridente di Pietro il Grande

  4. Pingback: Koriushka: pesce d’aprile… e di maggio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*