Fine dello status “militare” dell’Incrociatore Aurora

L’incrociatore Aurora, simbolo della rivoluzione d’ottobre e della città di San Pietroburgo è da ieri passato definitivamente sotto il controllo di un equipaggio civile.

La “carriera militare” dell’incrociatore è segnata dal sempre eterno fascino della Rivoluzione ma in tempi più recenti è stato oggetto di scandali che ne hanno deturpato l’immagine tra cui quello più mediatico del 2009 quando ad un party dell’oligarca Prokhorov diverse persone si era gettate nella Neva in preda ad una incredibile sbornia.

Il 16 ottobre del 2011 – ne avevamo dettagliatamente parlato qui – tre uomini scalarono l’albero maestro, issando una bandiera pirata: l’azione organizzata dall’associazione “Cibo al posto delle bombe” venne ribattezzata “la risurrezione dell’Aurora”.

Questi episodi hanno chiaramente danneggiato l’immagine dell’incrociatore che nell’ottobre 1917 sparò il segnale per la conquista del Palazzo d’Inverno durante la Rivoluzione russa.

fonte: rielaborato da fonti varie (tmnews, ansa)

Share:

Author: admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*