Avanti tutta con Botik, il bisnonno della Marina russa!

Francobollo commerativo Botik

Pietro il Grande, uomo dai molteplici interessi che spaziavano dalla medicina alla carpenteria navale, nel suo grandioso piano di rendere la Russia una potenza imperiale aveva previsto la creazione di una flotta russa. La leggenda vuole che Pietro, ancora adoloscente, facesse pratica con la navigazione su un’imbarcazione, inglese secondo la tradizione, detta appunto Botik, ora esposta al Museo navale militare centrale, rappresentata nel francobollo commerativo del 1971 riprodotto nell’immagine. A San Pietroburgo questa barca, affettuosamente soprannominata “bisnonno della Marina russa“, è solo uno dei motivi di interesse per gli appassionati di imbarcazioni, mare e navigazione.

Francobollo commerativo Botik

L’Ammiragliato era la sede della Marina militare, con annessi cantieri navali, i cui depositi si trovano sull’isola della Nuova Olanda, collegati da un canale ora interrato, mentre le Colonne rostrate erano i fari del porto, allora collocato nei pressi della Strelka. Come dimenticare poi l’Incrociatore Aurora, da cui venne sparato il colpo che diede inizio alla rivoluzione russa, ma anche il rompighiaccio Krasin, il Sommergibile D-2 Narodovolec e la Cattedrale di San Nicola del Mare, sorta a Kolomna, quartiere dei marinai, e la cittadina di Kronštadt, sede della base navale. Naturalmente per chi arriva via mare anche una visita al porto passeggeri rappresenta una tappa obbligata!

Share:

Author: Marco Ragozzi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*