Le notti bianche

Era una notte meravigliosa, una notte come forse ce ne possono essere soltanto quando siamo giovani, amabile lettore. Il cielo era così pieno di stelle, così luminoso che, gettandovi uno sguardo, senza volerlo si era costretti a domandare a se stessi: è mai possibile che sotto un cielo simile possa vivere ogni sorta di gente collerica e capricciosa? Così inizia il celebre romanzo di Dostoevskij, opera letteraria ambientata in quel periodo estivo che prende il nome di Notti bianche.

Cattedrale di Sant'Isacco
La cattedrale di Sant’Isacco, durante le notti bianche del 2020. Fotografia originale

Ma in cosa consistono esattamente Notti bianche? In realtà si tratta di un lungo crepuscolo che inizia con il tramonto, a partire dalla tarda serata, e termina con l’alba, nelle primissime ore del mattino, ovvero di una notte senza l’oscurità. Il fenomeno astronomico dura, nella fase di massima intensità, dalla prima prima decade di giugno fino alla prima di luglio: durante queste settimane San Pietroburgo presenta una vitalità incredibile, continua con manifestazioni artistiche, culturali e sportive che partono a fine maggio per arrivare fino a metà luglio.

Fra gli eventi principali vanno segnalati il giorno della città, il festival Stelle delle Notti bianche con spettacoli di danza, teatro e musica, la famosa Maratona delle Notti Bianche, le  Vele Scarlatte, ovvero la festa dei diplomati delle scuole superiori, il forum economico di San Pietroburgo e varie rassegne musicali, tra cui il Festival swing delle Notti bianche. Nel 2021 naturalmente la parte del leone la fanno le partite di Euro 2020, ovvero il campionato europeo di calcio con ben 7 partite giocate a San Pietroburgo.

Share:

Author: Marco Ragozzi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*