Notti bianche

Cattedrale di Sant'Isacco
La cattedrale di Sant’Isacco, durante le notti bianche del 2020. Fotografia originale

Le notti bianche di San Pietroburgo sono un fenomeno che si verifica nelle zone settentrionali dell’emisfero nord, non solo in Russia ma anche in Scandinavia e Canada, ma solo a San Pietroburgo hanno assunto un significato così particolare ed una risonanza mondiale, in parte grazie all’omonimo romanzo Le notti bianche, che inizia nel modo seguente:

Era una notte meravigliosa, una notte come forse ce ne possono essere soltanto quando siamo giovani, amabile lettore. Il cielo era così pieno di stelle, così luminoso che, gettandovi uno sguardo, senza volerlo si era costretti a domandare a se stessi: è mai possibile che sotto un cielo simile possa vivere ogni sorta di gente collerica e capricciosa?

Ma cosa sono queste famose Notti bianche? Si tratta semplicemente di un crepuscolo prolungato fra il tramonto, che avviene in tarda serata, e l’alba, che sorge alle primissime ore del mattino, senza avere il buio della notte. Il fenomeno astronomico inizia attorno al 10 giugno e termina all’inizio di luglio, ma durante questo periodo la vita a San Pietroburgo ha il suo culmine, con manifestazione di vario tipo che iniziano a fine maggio per terminare a metà luglio.

In questo periodo si svolgono molti eventi che rendono ancora più interessante la vita artistica, culturale e sportiva di San Pietroburgo. Tra le maggiori manifestazioni vanno ricordati giorno della città, il festival Stelle delle Notti bianche con spettacoli di danza, teatro e musica, la prestigiosa Maratona delle Notti Bianche, la festa dei diplomati delle scuole superiori Vele Scarlatte, il forum economico di San Pietroburgo e varie rassegne musicali, tra cui il Festival swing delle Notti bianche.

Collegamenti esterni

Aggiornamento giugno 2020

4 thoughts on “Notti bianche

  1. Pingback: Vele scarlatte
  2. Pingback: A tutto jazz!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*