Novità della metropolitana di Pietroburgo per il 2016

Il vestibolo

Il vestibolo della rinnovata stazione Vyborgskaja. Immagine originale su Wikipedia Commons

Con il 2016 arrivano anche le novità della metropolitana di San Pietroburgo, incluso il tradizionale aumento delle tariffe, con un rincaro generale sia del gettone per la singola corsa, che ora costa 35 rubli, sia per alcuni degli abbonamenti.

Rincarano anche i biglietti per autobus, tram e filobus che dal 1º gennaio 2016 costano 30 rubli, mentre rimangono invariati i prezzi per le maršrutke, ossia i taxi collettivi con percorso prefissato e fermata a richiesta, a partire dai 35/40 rubli a corsa.

Per quanto riguarda le stazioni, il 25 dicembre 2015 è stata riaperta al traffico la fermata
Vyborgskaja, stazione sulla linea 1 rossa, sita in una zona semicentrale di interesse per gli edifici industriali di epoca prerivoluzionaria e per la Cattedrale di San Sansone, esempio di barocco petrino. Dall’8 febbraio 2016 invece chiude per 11 mesi Elizarovskaja, fermata sita sulla linea 3 verde, che nonostante si trovi in periferia, è la stazione più comoda per raggiungere velocemente Krupa, ovvero la fiera permanente del libro e dei souvenir.

 

Questa voce è stata pubblicata in News, Trasporti. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Novità della metropolitana di Pietroburgo per il 2016

  1. Luca scrive:

    Sempre qualcosina in più. Rimane comunque molto vantaggioso per i turisti e per chi è abituato a prendere i mezzi in Italia.
    Non ho visto peraltro il far west dell’anno scorso con code chilometriche alle casse della metro per prendere i gettoni prima del nuovo anno.

    Ho notato peraltro un aumento della sicurezza, in diverse stazioni metro ci sono i metal detector subito dopo l’ingresso, ma non so se sia una misura temporanea o definitiva.

    • Marco Ragozzi scrive:

      eh, si’, per il 2017 temo i 40 rubli, tanto per far cifra tonda 🙁 comunque la metro e’ comoda, si evitano code, freddo e alla fine comprando gli abbonamenti non si spende molto. Senza contare che l’euro e’ molto forte, quindi l’importo finale e’ davvero basso.

      Per fortuna non ci sono state le pazzie dell’anno scorso, sia perche’ non hanno limitato il numero dei gettoni acquistabili da un singolo, sia perche’ forse i pietroburghesi hanno perso ogni speranza di vincere l’inflazione… 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*