San Pietroburgo si candida per Euro 2020

La Federcalcio russa ha dichiarato ufficialmente che ha intenzione di proporre San Pietroburgo come città ospitante per l’Europeo di calcio del 2020.

Euro 2020, per la prima volta si terrà in città di tutta Europa per un’iniziativa del presidente UEFA Michel Platini. Un paese ospiterà le semifinali e le finali, e negli altri 12 si terrà un mix di fase a gironi e partite ad eliminazione diretta.
La Federcalcio russa ha fatto sapere su Facebook che il suo comitato esecutivo ha “deliberato di proporre … la città di San Pietroburgo.”

Uefa logo Euro 2020

La città, conosciuta come “la finestra sull’Europa” si va ad aggiungere a Budapest, Belgrado ed Istanbul. La città turca è considerata la favorita per ospitare le semifinali e le finali.

Lo stadio da 69.000 posti di San Pietroburgo che ospiterà una semifinale della Coppa del Mondo 2018 in Russia sarà anche la nuova sede dello Zenit di San Pietroburgo.
E prevista l’apertura nel 2015, sette anni in ritardo a seguito di una serie di ritardi, e si prevede un costo di circa 1,1 miliardi dollari, più del doppio della stima iniziale.

La questione se la Russia avrebbe fatto un’offerta per Euro 2020 è stato messa in discussione già dalla scorsa settimana quando il ministro dello Sport Vitaly Mutko, membro del comitato esecutivo della FIFA, ha detto che le possibilità che il Paese ha di vincere sarebbe “quasi zero”, con il torneo di Euro 2020 che arriva così presto dopo il Mondiale del 2018 che ricordiamo si svolge proprio in Russia.

Tale dubbio è stato rimosso dal presidente della Fifa Sepp Blatter, che ha dichiarato a R-Sport che il Paese che ospita la Coppa del Mondo sarebbe in vantaggio rispetto a qualsiasi altra offerta , in quanto darebbe garanzie che tutte le infrastrutture necessarie sarebbero state pronte.

fonte: tradotto e riadattato da moscownews.ru

Questa voce è stata pubblicata in Sport. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*